Italiano English


    • Periodico di
      Informazione turistica
      Aut. Trib. NA n.3104 del 15.04.1982

      Editrice Surrentum
      Viale Montariello, 8 - Sorrento

      Direttore Responsabile:
      Antonino Siniscalchi

      Redazione:
      Luisa Fiorentino
      Mariano Russo

      'Surrentum' viene stampato in 13.000 copie da 'Tip. La Sorrentina' Sorrento
  • Sponsor

Massa Lubrense, ultimo lembo di terra della peniso­Giardino di limonila sorrentina, a cavallo tra il golfo di Napoli e quello di Salerno, affacciata sul tratto di mare caro alle Sirene che vi elessero il proprio domicilio sugli isolotti dei “Galli” e dove nel 1600 i Gesuiti realizzarono la prima coltivazione inten­siva del limone in un proprio fondo, ancora oggi chiamato “Il Gesù”, un artigiano – im­prenditore, Luigi Mazzola, so­cio benemerito della Pro Loco di Massa Lubrense, erede del­la più antica e prestigiosa pa­sticceria del paese, realizzerà una “torta delizia al limone” dal peso di una tonnellata e settecento chili, nell’ambito della manifestazione “Le deli­zie del limone di Massa” orga­nizzate dalla Pro Loco di Mas­sa Lubrense con il patrocinio del Comune per promuovere il limone massese e tutti i suoi derivati, che si terrà sabato 30 giugno e domenica 1 luglio. Per realizzare la torta che ver­rà collocata al centro dei giar­dini pubblici antistanti la Pro loco di Massa Lubrense per essere offerta, sabato 30 dalle ore 21,00 ad oltre sedicimila visitatori, occorreranno 4000 uova, 400 chilogrammi” di zuc­chero, “180 litri” di panna, “350 litri” di latte, “10 chilogrammi” di frutti di bosco, “20 chilogrammi” di cioccolata bianca, “70 litri” di in­fuso al limone a 70 gradi, venti litri di limoncello, “20chilo­grammi” di limoni. La base sarà in pan di spagna, la farcitura di crema al limone, la deco­razione con panna e frutti di bosco mentre al centro verrà collocata, ricoperta di ciocco­lata bianca, una riproduzione dello scoglio del “Vervece”, santuario internazionale dei sub, situato in mezzo al mare, ad un miglio dal porto di Ma­rina della Lobra, sulla rotta Sorrento-Capri. “Eventi come quelli organiz­zati dalla Pro Loco di Massa Lubrense in collaborazione con intraprendenti esponenti dell’ imprenditoria locale – ha detto Luigi Ercolano, assesso­re all’agricoltura del comune lubrense – servono soprattut­to a veicolare in modo profes­sionale ed incisivo l’eccellen­za del limone e la sua terra d’origine. L’Amministrazione Comunale è particolarmen­te vicina a questi coraggiosi concittadini che operano esclusivamente per la cresci­ta turistico-culturale di Massa Lubrense. “Auspico che queste ed analo­ghe iniziative di grande richia­mo – ha spiegato Sergio Fio­rentino, assessore alla cultura del comune lubrense – possa­no restituire la risonanza che merita al limone di Massa Lu­brense, troppo spesso generi­camente denominato limone di Sorrento. Tali occasioni servono a non dimenticare che Massa Lubrense, può vantare una autonoma e peculiare produzione. La storia infatti ci insegna che la coltivazione di questo prezioso agrume, im­portato dall’oriente dai mo­naci gesuiti nel lontano XVII secolo, ebbe inizio in penisola sorrentina proprio nel territo­rio di Massa Lubrense, com­plice soprattutto le favorevoli condizioni climatiche; tant’è che il limone lubrense, per le proprie peculiarità aromati­che ed organolettiche, viene distinto nel suo genus con il nome scientifico di “citrus limon massese” ovvero “fem­miniello massese. Domenica 1 luglio la stessa “Comunità Montana” Monti Lattari e Penisola Sorrentina grazie alla lungimiranza po­litica e all’amore per le terre che rappresentano del Presi­dente Giuseppe Guida e degli Assessori Costantino Russo, Lorenzo Fiorentino e Giusep­pe D’Esposito, offriranno una giornata di degustazioni di primi piatti al limone con l’in­tervento dei pastai di Gragna­no e dell’Associazione cuochi Penisola Sorrentina.
Gennaro Limone Commis­sario Straordinario dell’Ersac (Ente Regionale di Sviluppo Agricolo in Campania) e brac­cio operativo dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura a suggello della validità dell’ini­ziativa e dell’attenzione della Regione Campania verso l’in­tero comparto dell’agricoltu­ra in penisola sorrentina ha aggiunto:” Si può pensare a Massa Lubrense, a Sorrento senza i limoni. Questi angoli meravigliosi che tutto il mondo ci invidia sono così belli, così unici e così noti grazie innanzitutto al singolare paesaggio agra­rio che nel corso degli anni si è affermato fino a diventare parte costitutiva e simbolica della costiera per i visitatori e i turisti. Manifestazioni come “Le Deli­zie del Limone di Massa” ser­vono a ricordare innanzitutto che la difesa di questo agro­sistema è la prima condizione per continuare ad attrarre tu­rismo; un turismo giustamen­te esigente che chiede natura, cultura e un ‘offerta enoga­stronomica di qualità. Il limone sembra racchiudere tutte queste cose a partire dalla storia secolare a cui ri­manda fino al marchio IGP che oggi lo tutela e alla mol­teplicità di usi nella cucina locale che è poi tanta parte di quella regionale e nazionale. Ersac è lieto di partecipare all’iniziativa “Le delizie del Limone di Massa” per la quale auspico un ampio e diffuso successo.