Italiano English


    • Periodico di
      Informazione turistica
      Aut. Trib. NA n.3104 del 15.04.1982

      Editrice Surrentum
      Viale Montariello, 8 - Sorrento

      Direttore Responsabile:
      Antonino Siniscalchi

      Redazione:
      Luisa Fiorentino
      Mariano Russo

      'Surrentum' viene stampato in 13.000 copie da 'Tip. La Sorrentina' Sorrento
  • Sponsor

Premiati Annamaria Ackermann e Geppy Gleijeses

Premio Di GiacomoE’ tradizione, a Sant’Agata sui Due Golfi, ricordare Salvatore Di Giacomo, che l’aveva scelta per sede della sua villeggiatura, dimorandovi d’estate nelle prime decadi del secolo scorso, per diverse settimane e trascorrendo numerose serate con gli “amici” fra i quali Don Alfonso Iaccarino, proprietario delle pensione omonima ed inventore dei “cannelloni” (che alla sua prima esecuzione erano chiamati “strascinati”) ed il cui nipote (omonimo) chef di valore internazionale è oggi il grande anfitrione e mecenate della manifestazione. La Pro-Loco dei Due Golfi ha voluto mantener fede a questa tradizione, ormai longeva, di assegnare il Premio “Salvatore Di Giacomo” a due personaggi del mondo giornalistico, letterario o artistico (musica o teatro) ogni anno a Sant’Agata ed il presidente, Donato Iaccarino, ha convocato l’apposita commissione che ha scelto coloro che, mercoledì 5 Settembre, proprio sulla terrazza del famoso ristorante “Don Alfonso ‘898”, riceveranno il premio, ormai giunto alla sua settima edizione. Sì perché, dopo Bruno Venturini e Maria Ercolano (tenore e soprano), Antonio Ghirelli e Max Vajro (giornalisti), Maria Orsini Natale (scrittrice) e Peppe Barra (attore), Mariano Rigillo e Gino Rivieccio (attori), Mirna Doris (cantante) e Salvatore Cangiani (poeta), Roberto De Simone (scrittore e regista teatrale) e Marisa Laurito (attrice), quest’anno il premio sarà assegnato ad Annamaria Ackermann e Geppy Gleijeses che rappresentano il mondo del teatro nel quale Di Giacomo ha lasciato anche la sua orma intangibile. Due personaggi che, dal destino manifestatosi nella loro attività – e nel loro successo – nel mondo del palcoscenico, sembrano essere stati predestinati al premio che riceveranno a Sant’Agata sui Due Golfi, perché entrambi hanno interpretato il dramma digiacomiano “Il voto”. Ma i due premiati dell’edizione 2007 hanno anche un’altra comunione, sempre nel campo del teatro, la Ackermann ha recitato numerose stagioni con Eduardo De Filippo, potendosi vantare di essere fra le partners preferite dal grande Eduardo, mentre Gleijeses è stato scelto, quasi spinto al teatro, da De Filippo il quale – eccezionalmente – nel 1975 (quando il premiato aveva appena ventuno anni) gli permise di mettere in scena, come regista due sue opere “Chi è cchiù felice ‘e me” e “Gennariniello”. Annamaria Ackermann ha sempre dimostrato un feeling particolare con Don Salvatore, interpretandone molte opere e recitandone poesie dal grande sentimento. Proprio nel 2004, in piena estate, è stata magna pars in un serata organizzata per onorare Di Giacomo che era solito godere la bontà del clima e dei latticini agerolesi. Recitò un vastissimo repertorio del Poeta, accompagnata dal quintetto “Accademia del mandolino” e concludendo la serata con una poesia che Di Giacomo aveva dedicato ad Agerola. Geppy Gleijeses è un personaggio particolare del mondo teatrale napoletano, ritenuto dalla migliore critica il migliore attore napoletano della sua generazione. Mancato avvocato, dopo aver conseguito la laurea (per soddisfare il desiderio paterno) si dedicò anima e corpo al teatro, più volte incoraggiato da Eduardo De Filippo che lo scelse e lo richiese a far parte della sua troupe. Ma Gleijeses è un personaggio completo del teatro, non solo napoletano, perché oltre che essere attore è autore di testi teatrali e regista di grande effetto. La cerimonia dell’assegnazione, ancora una volta si avvarrà della direzione della giornalista Giuliana Gargiulo, legata da profonda amicizia sia con Annamaria Ackermann che con Geppy Gleijeses.