Italiano English


    • Periodico di
      Informazione turistica
      Aut. Trib. NA n.3104 del 15.04.1982

      Editrice Surrentum
      Viale Montariello, 8 - Sorrento

      Direttore Responsabile:
      Antonino Siniscalchi

      Redazione:
      Luisa Fiorentino
      Mariano Russo

      'Surrentum' viene stampato in 13.000 copie da 'Tip. La Sorrentina' Sorrento
  • Sponsor

Fulvio PalmieriDa più di trent’anni sta calcando le scene dei maggiori locali d’intrattenimento della penisola sorrentina dove rappresenta monologhi di Pulcinella e scenette comiche da lui scritti. Si esibisce anche come chansonierre molto apprezzato per il suo talento e la sua verve. È ormai una voce famosa e un volto arcinoto e familiare quello di Fulvio Palmieri, stabiese, figlio d’arte. Il papà Francesco ha pubblicato tre libri di poesie in dialetto napoletano. E da lui, da papà Francesco, Fulvio ha ereditato l’amore per l’arte: fine dicitore e cantante, interprete raffinato di rappresentazioni folkloristiche partenopee, è anche curatore di manifestazioni artistiche e culturali, direttore artistico, autore letterario, musicale e DOR (sezione teatro) SIAE, poeta sensibile e ispirato. Lo scorso anno ha vinto il primo premio al concorso di poesia “I moti dell’anima” dell’Associazione Posidonia a Positano. Nella sua variegata, poliedrica esperienza artistica un posto particolare occupa l’America Latina dove si è esibito come cantante folk negli anni novanta quando ha partecipato anche al Festival Internazionale del folklore di Arequipa in Perù. Della sua produzione poetica pubblichiamo i versi di “Maistrale”, che ci danno la misura della vena poetica di Fulvio che della cultura dialettale napoletana ha fatto la ragione della sua vita sia come divulgatore che come autore.

Maistrale

Nu ventariello frisco saglie ‘a mare,
refela prufumata d’acqua chiara,
te dà sullievo e stuta stu calore
e te sciasceja intall’ora da cuntrora.

     Addubebechiato doppo na magnata,
     quanno ‘e zi Bacco è fatto ‘o scustumato,
     stu ventariello è na benedizione,
     te saglie ‘ncielo comme ‘a nu pallone.

Tenne na mano a chi in navigazione
sceglie suddest comme direzione,
ma si rafforza ca jancheggia l’onne,
primma te straccia ‘e vele e po t’affonne

       ‘O sole è fatto ‘o sujo, se ne stà jenne,
       e pure stu maistrale và fernenne,
       si ‘o tiempo è buono turnarrà dimane…
       ll’aspetto ccà, c’’o fiasco strinto mmane
.