Italiano English


    • Periodico di
      Informazione turistica
      Aut. Trib. NA n.3104 del 15.04.1982

      Editrice Surrentum
      Viale Montariello, 8 - Sorrento

      Direttore Responsabile:
      Antonino Siniscalchi

      Redazione:
      Luisa Fiorentino
      Mariano Russo

      'Surrentum' viene stampato in 13.000 copie da 'Tip. La Sorrentina' Sorrento
  • Sponsor

Antonino Pane con i colleghi della redazione centrale: Marilicia Salvia, Gino Giaculli e Bruno Abbisogno, corrispondenti e collaboratori della Grande Napoli: Annamaria Boniello, Marco Di Caterino, Carmen Fusco, Nello Fontanella, Domenico Maglione, Giuseppe Maiello, Gennaro Pappalardo, Antonino Siniscalchi, Teodorico Boniello, Gianni Siniscalchi, Giuseppe Damiano, Massimiliano D’Esposito, Ciriaco Viggiano, Luigi D’Alise, Francesco Aiello, Umberto Celentano, Maria Elefante, Gaetano D’Onofrio

Nella foto: Antonino Pane con i colleghi della redazione centrale: Marilicia Salvia, Gino Giaculli e Bruno Abbisogno, corrispondenti e collaboratori della Grande Napoli: Annamaria Boniello, Marco Di Caterino, Carmen Fusco, Nello Fontanella, Domenico Maglione, Giuseppe Maiello, Gennaro Pappalardo, Antonino Siniscalchi, Teodorico Boniello, Gianni Siniscalchi, Giuseppe Damiano, Massimiliano D’Esposito, Ciriaco Viggiano, Luigi D’Alise, Francesco Aiello, Umberto Celentano, Maria Elefante, Gaetano D’Onofrio. (foto di Franco Romano)

Un giornalista, una storia. Trentotto anni con “Il Mattino”. Dieci come corrispondente da Sorrento, ventotto come professionista fino a caporedattore dal 1989. Antonino Pane ha ricevuto ieri mattina, nel corso di una cerimonia ufficiale nella sala consiliare del palazzo municipale di Sorrento, le attestazioni di stima e riconoscenza della sua terra natia per l’attenzione dedicata nella lunga carriera alla realtà locale e alle vicende della penisola sorrentina. Antonino Pane ha lasciato dal primo luglio per il ruolo di redattore capo centrale vicario del più importante quotidiano del Mezzogiorno, dopo avere cominciato nel 1974 partendo dalla gavetta come giovane cronista che inviava le sue corrispondenze dalla Costiera. Messa presto nel cassetto la laurea in Giurisprudenza, la militanza giornalistica ha riempito la sua vita in maniera intensa con le eccezioni della famiglia, degli amici più intimi e dell’amore verso il Sorrento Calcio di cui è dirigente. A tutto Antonino Pane ha anteposto l’eccezionale passione di chi era nato con il genio del giornalista, la voglia infinita di narrare i fatti e di preparare le pagine de “Il Mattino” per il giorno dopo. Un esempio per i colleghi della redazione e per i corrispondenti de “Il Mattino” ai quali non ha mai lesinato consigli tecnici e professionali. Alla presenza di autorità politiche, civili, religiose e militari, rappresentanti delle amministrazioni locali e delle associazioni di categoria, la cerimonia in onore di Antonino Pane aperta dall’intervento del sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, con l’intervento del senatore Nello Di Nardo e di monsignor Antonino Persico, in rappresentanza dell’arcivescovo di Sorrento-Castellammare Felice Cece e le conclusioni affidate al senatore Raffaele Lauro, componente della commissione Affari costituzionali, della commissione Antimafia e della commissione Rai.
A tributargli un sincero ringraziamento, tra gli altri, i colleghi della redazione centrale Marilicia Salvia, Gino Giaculli e Bruno Abbisogno, corrispondenti e collaboratori della Grande Napoli: Annamaria Boniello, Marco Di Caterino, Carmen Fusco, Nello Fontanella, Domenico Maglione, Giuseppe Maiello, Gennaro Pappalardo, Antonino Siniscalchi, Teodorico Boniello, Gianni Siniscalchi, Giuseppe Damiano, Massimiliano D’Esposito, Ciriaco Viggiano, Luigi D’Alise, Francesco Aiello, Umberto Celentano, Maria Elefante, Gaetano D’Onofrio e Franco Romano.