Italiano English


    • Periodico di
      Informazione turistica
      Aut. Trib. NA n.3104 del 15.04.1982

      Editrice Surrentum
      Viale Montariello, 8 - Sorrento

      Direttore Responsabile:
      Antonino Siniscalchi

      Redazione:
      Luisa Fiorentino
      Mariano Russo

      'Surrentum' viene stampato in 13.000 copie da 'Tip. La Sorrentina' Sorrento
  • Sponsor

A Sorrento, a Capodanno, la crisi si combatte a suon di gelato gusto lenticchie caramellate e spumante. A firmare il rituale antijella e porte-bonheur, il pasticciere dei Vip, Antonio Cafiero, che la notte di San Silvestro offrirà gratuitamente a turisti e residenti la sua ultima creazione “attira-soldi”

Antonio CafieroNon solo panettoni, “struffoli” e cassate. Per rendere più stuzzicanti e golose le festività natalizie dei suoi numerosi “adepti” provenienti da ogni angolo del globo, il pasticciere sorrentino dei Vip, Antonio Cafiero, che una ne pensa e cento ne sforna, quest’anno ha messo a punto, oltre a un presepe di cioccolata da record del peso di oltre 450 chili, una sfilza di gelati a tema che vedono protagonisti vere e proprie star della tavola delle Feste. Nel bancone della sua gelateria di corso Italia, a Sorrento, infatti, tra gli oltre 80 gusti di ice cream disponibili, in questi giorni è possibile scegliere anche tra 6 new entry: datteri, mandorlato, fichi secchi e pinoli, roccocò, castagne del Monte Faito e melagrana. Da consumare in loco o portare a casa e mangiare in famiglia, tutti insieme appassionatamente, durante il Cenone a mo’ di sorbetto tra una pietanza e l’altra.
Anche se per assistere alla vera “cafierata” bisognerà aspettare San Silvestro, quando il vulcanico Antonio, subito dopo la mezzanotte, offrirà gratuitamente a tutti coloro che passeranno a trovarlo alla Gelateria “Primavera”, un beneaugurante ice cream al gusto di lenticchie caramellate da abbinare a piacimento a una spruzzata di spumante nostrano, zenzero, cannella o cioccolato. Un rituale anticrisi e antijella per iniziare il nuovo anno decisamente con gusto e col piede giusto.

Annalisa Palmieri