Italiano English


    • Periodico di
      Informazione turistica
      Aut. Trib. NA n.3104 del 15.04.1982

      Editrice Surrentum
      Viale Montariello, 8 - Sorrento

      Direttore Responsabile:
      Antonino Siniscalchi

      Redazione:
      Luisa Fiorentino
      Mariano Russo

      'Surrentum' viene stampato in 13.000 copie da 'Tip. La Sorrentina' Sorrento
  • Sponsor

Commedia musicale ideata, scritta e diretta da Anna Rita Cammerata con la partecipazione straordinaria in voce di Elio Pandolfi e uno straordinario cast: P. Cecchini, G. Trasselli, M. Ripa di Meana, M. Buzzanca, G. Montanarini, S. Sabani, M. M. Merli, D. Antonini e R. Bagagli

IL-CONGRESSO-DEGLI-ARGUTI---IL-CAST-4

Evento charity per la realizzazione di una casa di accoglienza per le donne vittime di violenza

Roma, 18 novembre 2015 – Alla vigilia della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne partire da “Il Congresso degli Arguti.. ovvero sei sommi protagonisti nell’arte dei libelli, commedia musicale ideata, scritta, diretta da Anna Rita Cammerata e prodotta da Giuseppe Milazzo Andreani e dalla Fondazione Italia Sostenibile, che in un certo qual modo è una denuncia ai soprusi e alle angherie, rappresenta quanto di meglio per diffondere la cultura del rispetto e della non violenza. Per questa ragione la Cooperativa sociale “Il Delfino”, con il Patrocino del Comune di Vico Equense – Assessorato alle Politiche sociali, e con il sostegno di “Accademia delle Idee Campania Sostenibile” e “Hosmotic Italian Science”, hanno voluto supportare la presentazione in anteprima nazionale al Teatro Tasso di Sorrento della commedia il cui ricavato sarà interamente devoluto per realizzare una Casa di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Il Congresso degli Arguti…ovvero sei sommi protagonisti nell’arte dei libelli”, che vede la partecipazione straordinaria in voce di Elio Pandolfi, nelle vesti di Romolo, il papà di Roma, segna un ritorno in pompa magna ad uno stile inimitabile che ha segnato la storia teatrale del nostro paese.

La storia si basa sulla parentesi storica dell’epoca papalina. Due secoli di epoca oscura in cui il popolo soggiogato, riusciva a parlare e far sentire la propria voce attraverso le cosiddette: “statue parlanti”. Pasquino (Pier Maria Cecchini), la più conosciuta, ha in realtà cinque amici: Madama Lucrezia (Giorgia Trasselli), Marforio (Massimiliano Buzzanca), l’Abate Luigi (Maurizio Matteo Merli), il Babbuino (Roberto Bagagli) e il Facchino (Simone Sabani). Queste statue hanno rappresentato per il popolo di Roma l’unica possibilità di far sentire il proprio disaccordo contro il potere della chiesa di allora. Di notte, con la complicità del buio, c’era chi metteva i cosiddetti “libelli”, dei pezzi di carta scritti spesso in latino, su una di queste statue; l’indomani la scoperta della missiva anonima scritta in sonetti riusciva, talvolta, a far scoppiare addirittura la rivolta. Per avere un’idea del peso del loro impiego, basti pensare che le pasquinate divennero così insolenti da rendere necessario un intervento del papato, il quale decise di comminare pene severe a chi avesse contribuito ad appendere al collo della statua qualsiasi scritto di natura satirica e offensiva.

La cosa straordinaria è che il gesto di denunciare delle statue ottenne un risultato opposto e gli autori dei versi si moltiplicarono a dismisura. Le sei statue, locate non distanti l’una dall’altra, nel centro storico di Roma, “crearono” il cosiddetto: Congresso degli Arguti, nome che dà il titolo alla commedia con il sottotitolo di: … ovvero sei sommi poeti nell’arte dei libelli. A questo straordinario gruppo non potevano mancare alcuni personaggi moderni, Paco, un senzatetto straniero (Daniele Antonini) fermatosi a Roma perché innamorato di questa città, che si rivelerà l’unico a poter parlare con le statue, Giulia (Giulia Montanarini) che di loro si occupa in quanto manutentrice dei beni culturali e che si innamorerà del senzatetto e la figura del vento Tramontana (Marina Ripa di Meana) che sarà un alleato fondamentale per la risoluzione di tutti i problemi. A dare ulteriore consistenza alle musiche (orchestrazione del M° Riccardo Gnerucci) e alle canzoni recitate ci sarà un corpo di ballo (coreografie di Stefano Sellati) che arricchirà l’opera di ritmo e colore. Questo parterre de rois darà vita, tra canti e balli, ma soprattutto tanta affascinante recitazione, ad una serie di equivoci, interrogativi e dilemmi che terranno l’attenzione del pubblico in auge fino alla fine della commedia. Costumi di Iuri Lieggi.