Italiano English


    • Periodico di
      Informazione turistica
      Aut. Trib. NA n.3104 del 15.04.1982

      Editrice Surrentum
      Viale Montariello, 8 - Sorrento

      Direttore Responsabile:
      Antonino Siniscalchi

      Redazione:
      Luisa Fiorentino
      Mariano Russo

      'Surrentum' viene stampato in 13.000 copie da 'Tip. La Sorrentina' Sorrento
  • Sponsor

IL 5 OTTOBRE A VICO EQUENSE

Il 5 ottobre il Castello Giusso a Vico Equense ospita la prima edizione del “Gran Gala Provolone del Monaco D.O.P.” voluta dal Consorzio dei Caseifici produttori, presieduto da Giosuè De Simone. Nel corso della serata sarà Il Provolone del Monaco D.O.P.presentato l’ultimo lavoro del Prof. Antonio Caccaviello “Il Provolone del Monaco D.O.P. dei Monti Lattari e della Penisola Sorrentina” cui si affianca il DVD “Alla ricerca del Provolone del Monaco D.O.P.”. Dopo i lavori sul pomodoro sorrentino e sulle bellezze della Penisola Sorrentina, il Prof. Caccaviello ha posato la sua attenzione su un prodotto caseario oggi richiestissimo. Ne è nata una bella ed interessantissima pubblicazione ricca di foto a colori che ha alla base una preoccupazione, fondata, dell’autore, cioè che si andrà incontro a grossi rischi sul piano dei consumi dei prodotti agro-alimentari e loro derivati se si continuerà a scegliere con gli occhi e non con il palato, perchè non sempre al piatto più bello corrisponde il prodotto più buono. Dall’impoverimento del gusto si salvano solo i prodotti di qualità, con le fasi di produzione regolamentate dalla legge e rigidamente controllate. Le D.O.C., le D.O.P., le I.G.P. e le I.G.T. assumono allora un ruolo fondamentale di guida nelle scelte dei consumatori e di volano del territorio dei Monti lattari e della Penisola Sorrentina sotto il profilo dello sviluppo economico e turistico. Nella prima parte della pubblicazione troviamo la storia del provolone del monaco dall’origine al disciplinare di produzione D.O.P. e alla sua regolamentazione. Nella seconda parte c’è la storia del Comitato di Tutela Provolone del Monaco D.O.P. di cui magna pars è stato il Prof. Enzo Peretti della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università Federico II di Napoli. Sono elencate poi le 12 aziende già iscritte al sistema di certificazione e, quindi, in attesa dell’ultimo iter per il riconoscimento ufficiale. Le aziende le troviamo a Castellammare di Stabia, una, a Vico Equense, tre, ad Agerola, quattro, a Meta, una, a Sant’Agnello, una, a Massa Lubrense, due. Il lavoro è chiuso da una serie di ricette in cui il provolone del monaco è protagonista. Concludiamo con un auspicio: che al provolone del monaco tocchi una sorte migliore di quel Limoncello di Sorrento che di Sorrento mantiene ormai solo il nome, secondo me, indegnamente.